Sunday, December 26, 2010

Io gioco pulito

da IO GIOCO PULITO-Antonio Padellaro (BCD Editori)


La trovate qui

RIASSUNTO DELL'INTERVISTA A MARCO TRAVAGLIO

Io non ho mai avuto rapporti con i dirigenti del Partito Democratico,neanche quando si chiamavano Ds.Veltroni l'avrò visto si o no tre volte ,una volta ad Annozero e quando mi incontra mi dice che prima o poi dobbiamo vederci.Per dirmi cosa non lo sò.D'Alema non l'ho mai incontrato,ad Annozero non viene perchè ci sono io.
Una volta feci un discorso al Teatro Vittoria e parlai della questione morale della sinistra.Tirai fuori lo scandalo Telecom ceduta ai furbetti Colaninno-Gnutti e Consorte e poi che a Palazzo Chigi entrò qualcuno con le pezze al culo e usci molto arricchito.D'Alemà si arrabbiò molto e minacciò querele che sto ancora aspettando.Velardi invece mi fece due cause sia civile che penale e le perse entrambe.

Fino al 2003 ero invitato alle feste dell'Unità ma mai quelle nazionali perchè davo fastidio per quello che scrivevo sopratutto sulla Bicamerale.Nel 2004 mi arrivò l'ordine da Roma da parte del responsabile Paganelli che non potevo più partecipare alle Feste dell'Unità.il fatto è che finchè parlavo di Berlusconi e delle leggi ad personam,andava tutto bene,quando toccavo alcune cose della sinistra...
Loro pensavano che quando io scrivevo certi articoli facevo perdere la fiducia dei loro elettori quando in realtà li votavano solo perchè dell'altra parte c'era Berlusconi.

Mi ricordo quanti lettori dell'Unità simpatizzavano e partecipavano ai girotondi.Come ci si può dimenticare quel 14 settembre 2002.Quando Nanni Moretti diceva che con questi dirigenti non vinceramo mai, ci restavano male ma poi capivano che era vero.Adesso di girotondi se ne vedono di meno,dopo la delusione degll'ultimo governo Prodi dove avevano promesso di fare le leggi sul conflitto d'interessi o cancellare la leggi vergogna.Ora la gente si butta su Beppe Grillo o Di Pietro.

Nel 2001 usci il libro che scrissi con Elio Veltri:L'ODORE DEI SOLDI.Quando girammo per l'Italia a girarlo spesso ci ostacolarono quelli della Nomeklatura dei Ds perchè gli dava molto fastidio perchè faceva capire che non c'era una opposizione al Governo Berlusconi.Il candidato leader del centrosinistra di allora,Francesco Rutelli,non parlò mai dei rappprti fra Berlusconi ,dell'Utri e la mafia.Elio veltri aveva cercato di far discutere le carte del processo dell'Utri in Antimafia della legislatura (1996-2001) ma nessuno votò,neanche Rifondazione Comunista.
Il cittadino di centrosinistra si domandava:come mai non parlano mai dell'origine dei soldi di Berlusconi? Capivano che non ne parlavano per non dare fastidio al Cavaliere.L'ultimo che attaccò seriamente Berlusconi fu Occhetto.
Ormai sono diventati una stessa squadra. Previti ad esempio è detestato dagli elettori di centrosinistra ma ai politici no perchè ha sempre fatto parte della casta.E quando è andato via è dispiaciuto

Ormai non c'è piu fiducia verso il Pd, me ne accorgo quando giro.Seguono con molta attenzione Di Pietro che una volta non era molto considerato,ma adesso che ha raggiunto degli ottimi risultati ( sondaggi al 10%),pensano che possa diventare una seria opposizione al governo Berlusconi.Mi auguro che al piu presto l'ex magistrato faccia un partito vero e serio magari unendosi a gente come Grillo-Furio Colombo-Santoro

Oggi a sinistra c'è un senso di rassegnazione perché mancano i punti di riferimento per identificarsi.Ai tempi dei girotondi si guardava ai Borrelli-Caselli,Scalfaro e Ciampi.Adesso c'è un presidente della repubblica che fa venire il latte alle ginocchia. Ormai firma o accetta quasi tutto.Lui deve avere il coraggio di respingere le leggi incostituzionali,almeno la prima volta.E fino al caso Englaro che guarda caso non era fatta per salvare Berlusconi,non l'ha mai fatto.oltre alla Legge Alfano,l'incredibile legge sui rifiuti ,che tutti dimenticano e che ha trasformato la Campania nella regione dove non vige lo stesso codice che vige nel resto d'Italia e D'Europa.Per non parlare delle impronte ai bambini rom e poi l'aver forzato le sue prerogative chiedendo,nel pieno dell'indagine di Salerno su Catanzaro,gli atti alla procura campana costituisce un precedente assai pericoloso di interferenza indebita in un'inchiesta in corso.

Quando giro a presentare i libri per l'Italia la domanda che più mi fanno è:cosa possiamo fare per cambiare le cose? Io rispondo di scegliere le persone giuste per migliorare e mandare a casa chi ci prende in giro,e non parlo solo di Berlusconi.In pochi fanno ancora il loro mestiere e mandare a casa i partiti sicuramente non è la soluzione al problema però bisogna cercare di dire alla gente le cose come stanno.Non si può dare la colpa solo alla destra che fa gli affari del boss ma anche che l'Unione quando è stata al Governo ha fatto scelte sbagliate. Anzichè fare l'Indulto c'era da pensare a fare una legge sui conflitti d'interessi o magari mettere Borrelli ministro di Grazia e Giustizia invece di Mastella. Le cose sarebbero state diverse.

Berlusconi senza dubbio interpreta una parte del Paese che ha contribuito a sdoganare,ma anche a forgiare. Ai furbi ha insegnato di non vergognarsi di quello che fanno ma di vantarsi.
Comunque i voti a lui sono calati, ha il 30% che non è poco ma se non era per la Lega, avrebbe perso le elezioni anche stavolta.Ha ragione il procuratore di Palermo,Roberto Scarpinato: non è l'Italia che merita Berlusconi ma è Berlusconi che merita questi tipi di italiani cioè come li ha creati lui con le sue televisioni e giornali.

Senza dubbio Annozero è il programma che fa più discutere,il motivo è semplice:va controcorrente.Parla dei problemi che la Casta non vuol che si tirino fuori come i fallimenti del governo ela non-opposizione.
Invece a Porta a Porta o a Ballarò comandano i politici,decidono loro cosa bisogna dire e allora non c'è mai nessuna polemica.Mai si sentono i politici attaccare queste trasmissioni.
Io quando ho tirato fuori la storia di Schifani a A CHE TEMPO CHE FA',ci fece un casino pazzesco,il Pd invece di scandalizzarsi applaudì appena eletto.Giuseppe D'Avanzo,che non avevano mai scritto una riga su quelle faccende,mi hanno attaccato con violenza inaudita per non dover giustificare i propri silenzi dinanzi ai loro lettori.Idem per Grillo quando attaccò Napolitano.

Girando l'Italia,io comincio ad avvetire robusti scricchiolìì.Con la crisi finanziaria,l'esasperazione della gente può veramente tracimare.Guarda,non è più una battuta:questi vanno in giro con la scorta per difendersi dai propri elettori.

No comments:

Post a Comment