Friday, March 18, 2011

Questi riformano anche la logica

Carta canta - l'Espresso, 18 marzo 2011

Oltrechè i valori costituzionali, la “riforma epocale” della Giustizia made in Berlusconi-Alfano stravolge anche i canoni tradizionali della logica. Se, diritto a parte,la si esamina alla luce del principio di non contraddizione, non si scappa: o è stata scritta da squilibrati, o da bugiardi.

1) Occorre - spiegano i riformatori - “ridurre la politicizzazione della magistratura”. Poi però ribaltano la composizione del Csm: oggi è formato per due terzi da giudici e un terzo da politici, domani per metà da giudici e metà da politici. Solo un matto può pensare di spoliticizzarlo aumentando i politici e trasformando l’”organo di autogoverno” in “etero-governo”. E sottraendo per giunta la polizia giudiziaria ai pm per consegnarla al governo.

2) L’obbligatorietà dell’azione penale – dicono – è una finzione che nasconde la discrezionalità: non potendo perseguire tutti i reati, i pm scelgono quali perseguire e quali no. Dunque sarà il Parlamento, su indicazione del Guardasigilli, a stabilire ogni anno i reati da privilegiare e da ignorare. Ma che senso ha dire che un comportamento è reato, già sapendo che non sarà punito? Se non si possono perseguire tutti, tanto vale depenalizzare quelli davvero minori e punirli con sanzioni amministrative. Invece questo governo non fa altro che inventare nuovi reati, dai maltrattamenti sugli animali al taroccamento dei decoder-pay tv, dall’abbandono di pattume in strada all’immigrazione clandestina (nell’ultimo mese la Procura di Agrigento ha dovuto indagare quasi 10 mila immigrati sbarcati a Lampedusa senza permesso di soggiorno e dovrà processarli tutti). Poi taglia fondi e personale alle Procure. Poi si meraviglia se queste annaspano.

3) La separazione della carriere – argomentano – assicura “la terzietà del giudice”,oggi influenzato dalla colleganza con il pm. Strano: per giustificare la responsabilità civile dei giudici (punto 5) si spiega che in Italia un indagato su due viene poi archiviato, assolto o prescritto. E’ la prova che la colleganza non impedisce al giudice di dare torto pm. Ma, se così non fosse, come scongiurare il rischio che il primo giudice condanni l’imputato che il collega gup ha rinviato a giudizio?Che il giudice d’appello ricondanni l’imputato condannato dai colleghi del tribunale? Che i giudici di Cassazione confermino la condanna emessa dai loro colleghi d’appello? Se è la colleganza corporativa che si vuole spezzare, bisogna istituire almeno sette carriere separate: pm, gip, gup, riesame, tribunale, appello e Cassazione.

4) Gli imputati potranno ancora appellare le condanne, ma i pm non potranno più appellare le assoluzioni. Il giurista Franco Cordero parla di ”idea asinina”, già bocciata dalla Consulta. Ma è anche un attentato alla logica: l’errore giudiziario non è solo la condanna dell’innocente, ma anche l’assoluzione del colpevole. Che senso ha rimediare alla prima e non alla seconda?

5) ”Il giudice che sbaglia –spiega Alfano - deve pagare, come il chirurgo che sbaglia un’operazione”. Ma il paziente il chirurgo se lo sceglie, mentre l’imputato non si sceglie il magistrato. E il magistrato non ha il compito di salvare vite, ma di fare giustizia “senza speranza né timore”: nel penale,se inquisisce o condanna, si fa regolarmente un nemico; nel civile, dovendo per forza dare ragione a Tizio o a Caio in causa fra loro, scontenterà inevitabilmente uno dei due. E poi, se l’errore medico è facile da accertare, che cos’è un errore giudiziario? Non certo il caso dell’ indagato o dell’arrestato che poi non viene condannato. Capita spesso che esistano i presupposti per indagare o arrestare, ma non per condannare. Infatti oggi la presunta vittima di errore giudiziario fa causa allo Stato, che può rivalersi sul magistrato in caso di dolo o colpa grave. Altrimenti, per evitare rogne, il magistrato non farà più nulla: indagini, né arresti, né sentenze. E’ questo che vogliamo?

Nel 1894, quando tutti gli imputati per lo scandalo della Banca Romana furono assolti, Giovanni Giolitti commentò: “Ora avremo la prova che in Italia i grossi delinquenti, oltre a essere assolti, con i milioni rubati possono far processare chi li aveva denunciati e messi in carcere”. E non conosceva Berlusconi.

No comments:

Post a Comment