About me



Ciao a tutti, mi chiamo Lara, sono nata a Torino nel 1985, ho una laurea in traduzione e sono mamma e moglie. Ho vissuto spesso all'estero anche quando ero bambina, ma non per mia volontà e allora soffrivo per la lontananza dal mio Paese. Dopo essermi sposata e aver ottenuto la laurea, però, sono fuggita io dall'Italia per mia volontà, non solo per ragioni personali ma anche per ragioni politico-sociali-economici: volevo dare ai miei figli e alla mia famiglia la possiibilità di crescere in un Paese libero, sicuro, efficiente, democratico, moderno, aperto, il più possibile onesto e corretto, dove trovare lavoro non è impossibile, dove pagare le tasse è una cosa bella e giusta, dove la diversità è accettata e tutti sono uguali davanti alla legge. Sono fuggita perché avevo paura dell'abisso in cui l'Italia stava affondando. Me ne sono andata per cercare un posto migliore dove poter offrire un futuro migliore ai miei figli, che sono sempre la mia priorità. Questo Paese per ora per me è il Canada e qui vivo con mio marito e mia figlia, però non dimentico. Non dimentico chi è rimasto. Non dimentico le mie radici, che rischiano di scomparire. Non dimentico chi non ha potuto o non ha voluto lasciare l'Italia e ha invece deciso di rimanervi ma anche di continuare a lottare per renderla migliore. Uno di questi è il giornalista e scrittore Marco Travaglio, di cui ammiro tutto: la costanza, il talento, l'intelligenza, la pazienza, la professionalità, l'impegno, lo zelo, la precisione, il coraggio, la voglia e la forza di lottare per l'Italia tutta, anche per gli italiani che non lo capiscono e per quelli che, come me, per avere un futuro hanno dovuto voltarle le spalle.